Quando si dice una buona idea

di Margherita Agresti

Quando si dice una buona idea! Eh si perché è stata proprio una buona idea quella dei ragazzi dell’associazione culturale Creattività di organizzare eventi culturali nella piazzola sul mare a Vindicio di Formia.

Lunedì sera, 22 luglio, con una luna rotonda manifesta nel cielo ancora chiaro che aspetta il tramonto, si è svolta con successo la prima serata della nuova rassegna culturale “Presentami l’Autore” immaginata e promossa in collaborazione con La Libreria di Margherita di Formia.

Ospiti, al vento fresco dell’estate formiana, Alfonso Artone autore del recentissimo “best seller” (già mi piace definirlo) Mondo senza tempo, Giuseppe Mallozzi giornalista e Margherita Agresti titolare della suddetta libreria indipendente.

La chiacchierata intervista, intervallata da letture a sorpresa del testo selezionate e interpretate da gli amici della libreria Gianmaria Gonzini e Gianni De Meo,  ha incuriosito e appassionato il pubblico. Il romanzo di fantascienza ambientato qui,

nel golfo, tra le città di Minturno, Gaeta e Formia oltre che le zone della linea Gustav, offre notevoli spunti di riflessione che con destrezza e familiarità sono stati in parte affrontati dai presentatori partecipi e recepiti dagli ascoltatori attenti. Si è parlato del genere fantascienza, più in voga di quanto si pensi, del messaggio etico di un romanzo e dell’umanismo possibile in un futuro consapevole, proposto e anelato dagli stessi protagonisti di Artone. La parola chiave più volte anticipata nella presentazione è: consapevolezza. Una scelta, prima che un invito, che la Liberia di Margherita ripropone nei piccoli gesti quotidiano/culturali.
L’ospitalità del chiosco turistico WelcHome e l’aria pedonale concessa dal Comune hanno reso possibile un aperitivo con l’autore davvero degno d’autografo!!

Appuntamento al prossimo lunedì dove con Paolo Fiore rincontreremo il nostro Alfonso, infatti,

tra le novità della serie Presentami l’Autore ecco che ogni autore presenterà l’autore successivo!

 

Se vuoi acquistare “Mondo Senza Tempo – il Segreto del Prescelto” è disponibile presso “La libreria di Margherita” in via Rubino a Formia. Oppure per acquistsarlo online a prezzo scontato, ecco i link

Acquista il libro “Mondo Senza Tempo – Il Segreto del prescelto” usando questo link e una volta aggiungo a carrello avrai il 40% di sconto Solo ad Agosto

Negli stessi negozi è disponibile “gli Angeli di Rock Castle” il mio primo romanzo – giallo vincitore del Belgioioso Giallo e del Creatività e Scienza (miglior copertina di Lara Artone)

CALENDARIO Presentami l’Autore

Eventi culturali promossi dall’associazione culturale Creattività

in collaborazione con La Libreria di Margherita

presso la zonetta antistante il chiosco turistico WelHome a Vindicio di Formia alle ore 19,30

Ogni autore presentato presenterà l’autore successivo…Tutti i lunedì !
22 luglio ore 19,30 Alfonso Artone

libro: Mondo senza tempo

Romanzo di fantascienza ambientato nel nostro Golfo

presentato da Margherita Agresti e Giuseppe Mallozzi

 

29 luglio ore 19,30 Paolo Fiore

libro: Fu chiaro appena oltre lo zenith

Romanzo storico esoterico tra Maya e Giordano Bruno

presentato da Alfonso Artone

 

5 agosto ore 19,30 Raffaela Acampora

libro: Just like a woman

Romanzo di una viaggiatrice intorno al mondo

presentato da Paolo Fiore

 

12 agosto ore 19,30 Valentina Ferrari

libro:Beatrice

Racconto di un amore

presentato da Raffaela Acampora

 

 

19 agosto ore 19,30 Rossella Tempesta

libro: Il libro domestico

Racconto in versi di una poeta

Poeti ospiti a sorpresa…

 

26 agosto ore 19,30 Claudio Raggi

libro:L’uomo tra cielo e terra

Racconto sulle emozioni, i poteri dell’energia, i segreti dello Shiatsu

presentato da Rossella Tempesta

 

 

2 settembre ore 19,30 Emanuele Gaetano Forte

libro: Rumore di Cicale

Racconto di un giovane osservatore esplicativo

presentato da Claudio Marciano, sociologo della comunicazione

 

Formia: aperitivo fantascientifico con l’autore Alfonso Artone

Lunedì 22/07 alle 19:30, Alfonso Artone sarà ospite al primo incontro della serie Presentami l’Autore eventi culturali promossi dall’associazione culturale Creattività in collaborazione con “La Libreria di Margherita” presso la piazzetta adiacente il chiosco turistico “welcHome home food & drink”

Sarà presentato “Mondo Senza Tempo” il suo nuovo sorprendente romanzo storico / fantascientifico, edizioni GDS (Milano).

Il Romanzo, ambientato nel futuro Golfo di Gaeta (anno 2052), accanto ad una avvincente trama fantascientifica,  ripercorre molte tappe importanti della storia del nostro territorio, svelando retroscena poco noti: dalla battaglia sulla linea Gustav, allo sbarco del terribile Corsaro Dragut.

Artone, alla sua seconda opera, aveva già sorpreso con il successo de “gli Angeli di Rock Castle”, oltre mille copie vendute in 4 ristampe, e vincitore al “Belgioioso Giallo” e al “Creatività e Scienza”

l’Autore sarà presentato dal Giornalista e scrittore Giuseppe Mallozzi, esperto in fantascienza  e fondatore del festival del cortometraggio indipendente “Visioni Corte”, e dalla dott.ssa Margherita Agresti, titolare de “la Libreria di Margherita”.

 

Il libro, è disponibile presso “La Libreria di Margherita” in via Rubino a Formia.  iIn tutte le librerie online, su IBSITUNES AMAZON, e nelle librerie altre tradizionali, se non disponibile, è ordinabile.

 

 

 

Simposio: il Golfo dei Poeti

A Scauri, presso la Darsena Flying, nell’ambito del cartello di eventi Culturali “Scauritanum”

Domenica 21 Luglio alle ore 20:45 ci sarà il simposio “Golfo dei Poeti”

Partecipano i poeti Dino Artone, Giuseppe Napolitano, Chiara Scrobogna e Irene Vallone, coordinatori Grazia Sotis e Gianluigi Zeppetella
Esposizione “L’arte della paglia e stramma” dell’artigiano Antonio Borrelli.

Dino Artone, Medico, Poeta e Scrittore.

Plurilaureato e plurispecializzato, medico-chirurgo, già Direttore Sanitario nell’Azienda Sanitaria di Latina, Docente in Tecniche della Comunicazione nella Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Diplomato in Health Services Management alla SDA Bocconi di Milano. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche in campo medico e accademico, raccolte di versi, romanzi e racconti, saggi e opere teatrali.

Tra i suoi Romanzi e racconti, ricordiamo: C’erano una volta, Il gigante (Premio Ecologico), Il buio e la veglia (Premio Editori Riuniti), Quisling, La cenere e il fuoco (Premio Giano), Il broker e la robinia, Misfatti di cronaca, Noir, Il Pigerrimo, Le vie dell’inferno, Di là della soglia, Mamà.

Autore di oltre quaranta pubblicazioni scientifiche in campo medico e accademico ed oltre settanta in campo letterario, nel quale ha pubblicato raccolte di versi tra cui: Crono e Mnemosine (Premio Platano d’oro per medici scrittori), Jocundo Joco (Premio Spallicci), Fucus, Ballata dell’organetto, Il corvo e le stelle, Nel verso del tempo, L’origine narrante (Premio Ragusa), Le voci precluse, Identità e appartenenza, La danza dei mesi, Histoire d’I, Quello che conta, Intimo Immaginario, Alle sponde dell’oggi.

Inoltre saggi e opere teatrali tra cui: Quàtto de nui, La garçonniere (Selezione RAI),Par’e patta (Premio Pascarella), ‘A veduvella (Premio laureandi Università di Napoli),Maria e Maria (Premio Rai-TV), Lo ZibalDino, Antropos e Logos, Quanti clown, Discorso sull’intelligenza,  Ironia e comicità nel tempo e nello spazio, La Bisbetica napoletana, La Bisbetica romana.

Collabora a pagine letterarie di quotidiani e riviste.

E’ presente in Antologie letterarie. E’ iscritto all’Albo Italiano degli Scrittori.

A Gaeta, concerto sotto le stelle

A Gaeta un romantico concerto sotto le stelle
con il duo pianistico “Pompa-Baldi Friscioni”
Venerdì 19 luglio prende il via la quarantaduesima edizione dell’Estate Musicale di Gaeta – rassegna organizzata dall’Associazione “San Giovanni a Mare” con la collaborazione della Proloco Città di Gaeta e il patrocinio del Comune di Gaeta e della Regione Lazio – con un concerto alle ore 20.30 presso il Grand Hotel “Il Ninfeo” in via Flacca, sulla costa tra Gaeta e Sperlonga.
Questo primo appuntamento vedrà esibirsi il duo pianistico formato da Antonio Pompa-Baldi ed Emanuela Friscioni che propone un programma con alcune tra le più celebri fantasie romantiche di Schubert e Schumann, le Danze Ungheresi di Brahms e la Rapsodia Ungherese n. 2 di Liszt: brani perfetti per questo evento che si tiene in uno dei più suggestivi angoli della Riviera d’Ulisse.
Antonio Pompa-Baldi, affermato pianista, ha vinto alcuni tra i concorsi più importanti al mondo e si esibisce regolarmente nelle sale più prestigiose di New York, Parigi, Londra, Tokyo, Seoul, Pechino, Los Angeles, Chicago, Boston, Milano, Napoli, Auckland, Houston, Miami… Ha registrato quindici cd interpretando Schumann, Brahms, Rachmaninov e l’integrale di Grieg. Tiene masterclass in America, Europa e in Cina.
Emanuela Friscioni ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali e si è esibita in Italia, Svizzera e Francia. Nel 2000 ha debuttato negli States suonando con la Cleveland Orchestra sotto la direzione di Robert Cronquista nella prestigiosa Severance Hall. È docente al Cleveland Institute of Music.
Al termine del concerto sarà possibile continuare la serata con una cena in terrazza sul mare abbinata allo spettacolo.
Il prezzo del concerto è di 10 euro (5 euro per i ridotti, soci e studenti) oppure di 30 euro se si vuole abbinare al concerto la cena di fine spettacolo.

Tour Archeologico a Minturno e Minturnae con Italia Nostra e Dragut

Il Comitato Dragut
vi invita al Tour Archeologico sul territorio di Minturno.
20 Luglio, ore 17, Minturnae Romana e Ponte Borbonico sul Garigliano;
24 Luglio, ore 18, Minturno Medievale, Duomo e Castello Baronale.
Per offrire la possibilità di visitare luoghi simbolo del nostro territorio con una guida esperta e in grado di soddisfare le nostre curiosità, è questo che Italia Nostra e il Comitato Dragut, hanno pensato organizzando questo tour. Un’occasione da non perdere, per guardare con occhi nuovi ciò che ci circonda, per imparare ad amare con consapevolezza il nostro paese.
Vi aspettiamo.

Lorenzo Ciufo e Vincenzo Zenobio a “Serata d’Autore”

Circolo Nuoto Formia

– Formia, via Appia, località 25 ponti (lato Roma) –

 

mercoledì 17 luglio 2013, ore 21:30

 

presenta

 

Serata d’Autore

 

Incontro con la poesia

di

Lorenzo Ciufo

 

con la partecipazione

di

Vincenzo Zenobio 

 

La poesia armoniosa e appassionata di Lorenzo Ciufo si incontra

con la sapienza musicale, il talento artistico e la fantasia di Vincenzo Zenobio

in un racconto-viaggio tra note e parole che non mancherà di coinvolgervi nel cuore e nella mente.

 

 

INGRESSO LIBERO

 

Note biografiche sugli artisti:

 

Lorenzo Ciufo, già docente specializzato in didattica per l’integrazione, attualmente insegna materie letterarie e latino nei licei. Suoi interventi nel campo della didattica speciale sono apparsi in Dalla parte dell’educazione (Trento, Erickson, 2005) e sulla rivista “Didatticamente Gulliver” delle edizioni Gulliver di Vasto (CH).

Innamorato della lettura a voce alta, svolge attività di operatore culturale come volontario dell’Associazione Amici del Libro-Biblioteca Luigi Raus di Minturno, presso la quale ha fondato un Gruppo di Lettura Condivisa e un Presìdio del Libro.

Come autore letterario ha esordito nel 2011 con la pubblicazione del libro La casa nuova (Milano, Lampi di stampa editore), frutto di una passione per la scrittura poetica concepita solo sul finire degli anni Novanta. 

 

Vincenzo Zenobio, polistrumentista professionale, alterna l’attività didattica (conservatorio, scuole comunali di musica, scuole medie statali) con quella di concertista e arrangiatore con grande eclettismo e senza barriere di generi (Trio Instabile Sottovento, Folk Road, Orchestrina Malombra-Jenny Sorrenti). Ha fondato di recente la band Ninfa Vitale, che rivisita canzoni tradizionali del Centro-Sud d’Italia. Ha collaborato con riviste di didattica musicale e collabora nella produzione e come consulente musicale per le etichette discografiche Finisterre e Gruppostella.

Siamo entrati nel vivo

“Siamo entrati nel vivo…”

Intervista a Pino De Renzi

di Patrizia Cervone

 

Siamo entrati nel vivo dell’estate. Moltissimi dei nostri conterranei, che per motivi di lavoro o di studio si trovano sparsi un po’ dappertutto, in Italia e nel mondo,  in questo periodo dell’anno rispondono all’appuntamento silenzioso del mare. Un “ritrovarsi”, appunto, fedelmente, a contatto con la propria origine, col proprio legame di sangue, col proprio “sentire” legato a questa linfa vitale…. Si risponde, sempre, al richiamo di  questo lembo di terra frammentata in diverse realtà, di questa costa protetta alle spalle dai nostri monti, che abbraccia però un unico specchio d’acqua..

Incontriamo in questi giorni qui, nel Golfo, lo scrittore Pino De Renzi. Nativo di Scauri, ha studiato a Napoli ed è ora medico microbiologo a Torino, dove svolge il suo lavoro, attualmente presso l’aeroporto di Caselle.

Pino De Renzi ha pubblicato diversi libri, di narrativa e di poesia, sia in formato e-book, editi da Mnamon, sia in formato cartaceo. “Il Voto”, “All’Ombra della Grazia”, “L’Ultimo Naufragio del Generale”, “La Bellezza macchiata del Rosso”, “Il Venditore di Fiori”, sono i titoli di alcune delle sue opere…

La prima domanda, la più spontanea che mi viene da porgere a Pino De Renzi, è:

 

Quanto è forte il richiamo del mare, quello che prima chiamavo l’irrinunciabile appuntamento silenzioso, per uno scaurese che vive fuori… ma soprattutto, quanto entra il mare nei tuoi scritti?

 

“L’orizzonte! Il mare è per me innanzitutto orizzonte. Sempre, nella mia vita, sia che stia contemplando lo scorrere dei giorni, sia che stia per prendere qualche decisione, io dentro di me mi rivedo a Scauri, davanti al mare, e guardo davanti a me. Quello che devo fare dipende dalla luce che vedo. Credo che quella luce sia indissolubile per qualsiasi scaurese”…

 

Siamo in estate, è vero, e sentiamo forte l’esigenza della spensieratezza e della “leggerezza” per entrare nello spirito delle vacanze. Eppure, chi è stato fuori per un po’, tornando, si troverà ad osservare, sempre più preoccupato,  il proprio mare, al quale è intensamente appartenuto… In questi ultimi tempi tutto appare sicuramente trasformato, assieme al paesaggio, assieme alle generazioni che si susseguono….E’ così?”

 

“E’ così. Chi è stato “fuori” per un po’, tornando si accorge subito che le cose, anche se apparentemente immutate, sono in realtà già cambiate. La vita è mutamento, però, e accanto alla nostalgia delle cose vissute e perdute, esiste in noi anche il sentimento – fortissimo – di qualcosa che non può morire mai. Le cose, spesso, diventano peggiori, si lasciano cadere, ma chi ritorna sa che tutto può sempre tornare a vivere più di prima. Chi ritorna è meno arrendevole davanti alla disfatta del tempo. Egli sa che basta poco, perché la bellezza non tramonta mai”.

 

C’è una scena molto bella del “Voto”, dove di racconta di una tempesta in mare a bordo di una barchetta a vela….Sicuramente un ricordo autobiografico ma credo, anche, una metafora, perché Mare e Vita sono strettamente connessi. Cosa ha da insegnare il Mare alla nostra esperienza di Uomini, oltre che di cittadini?

 

“Quella scena è autobiografica, sì. E’ accaduta davvero, realmente, al largo di Formia, ma anche metaforicamente, più volte, nella mia vita. Basta una manovra errata, e ci si trova capovolti, rischiando di finire fuori bordo. Il mare però restituisce sempre tutto. Il mare è come il tempo. Tutto quello che si vive al largo non ci abbandonerà mai più, e prima o poi ci verrà restituito. Il mare fortifica. Ti fa capire di essere in balìa del tempo e della vita, e che non tutto dipende esattamente solo da te”.

 

Come molti già sanno, da un anno a questa parte, Pino De Renzi si è fatto promotore del Premio Dragut… Sono già iniziati i lavori di questa seconda edizione del Premio, sull’onda del significativo successo e della grande partecipazione della prima edizione. Si stanno svolgendo una serie di eventi “satellite” per promuovere non solo il Premio, ma per “restituire” a tutto il nostro territorio una sua identità, che sembra a volte voler dimenticare o addirittura non conoscere. Ma… qual è la vera vocazione del nostro Golfo? Su cosa bisognerà puntare per non “depredare” ulteriormente il suo patrimonio?     

 

 “Il Golfo di Gaeta è intagliato tra il mare e i monti Aurunci alle sue spalle. E’ al confine tra due regioni, è stato sulla linea di demarcazione tra lo Stato Pontificio e quello Borbonico. E’ una gemma incastonata tra confini e orizzonti diversi. Ecco. Il futuro del Golfo è quello di aprirsi, di accogliere entità e culture diverse. Il suo futuro è l’interscambio generoso e nobile delle coscienze. Il Golfo di Gaeta io lo vedo come un sistema “HUB”. Il sistema HUB è un sistema studiato per le rotte aeree, ma che sta prendendo piede anche per altri campi. In pratica si tratta di concepire le cose come la ruota di una bicicletta. C’è un asse centrale dove i raggi convergono. Dunque il nostro territorio è come una porta girevole, turisticamente parlando – dato che è al centro di tanti tragitti, sia  naturali e paesaggistici  che culturali. Il Golfo di Gaeta deve essere un cuore pulsante: non deve trattenere il sangue, ma pomparlo verso ogni direzione”.

 

Ancora una domanda, conseguente alla precedente… Quanto è necessario l’impegno “culturale” per risvegliare il nostro territorio e “restituire” al nostro mare il ruolo privilegiato di via di comunicazione?

 

“Malala, alle Nazioni Unite, ha espresso un concetto che secondo me è universale: “Un bambino, un insegnante, un libro, una penna e un quaderno possono cambiare il mondo”. La cultura vuol dire coscienza, e la coscienza è la leva su cui si reggono le sorti del mondo e di ognuno di noi”.

 

Ci piace salutare così Pino De Renzi, in questa estate che comincia, con le sue stesse parole. E’ tempo di frutti, è tempo di vele spiegate. E’ tempo di riconoscere al mare un intento comune di “abbraccio” e non di “divisione”, non di frammentazione di identità o di appartenenze. Ci piace citare queste parole, che Pino immagina pronunciate da Sebastiano Caboto, un simbolo del nostro andare e del nostro appartenere:

 

“(…) Ho navigato per tutti i porti del Mediterraneo e ho visto il mondo ma la mia patria non è ora né Gaeta né Venezia né Bristol….La dimora in cui mi rifugio è unicamente la luce del cielo che si riflette sulle acque” (L’Ultimo Naufragio del Generale).

 

Buon viaggio, Pino.

 

 

Patrizia Cervone

Minturno d’Autore

Sarà la splendida cornice del castello baronale di Minturno ad ospitare la mostra collettiva di Pittura degli artisti locali, organizzata dalla Pro Loco di Minturno con il patrocinio del Comune di Minturno
L’inaugurazione è prevista per mercoledi 10 luglio ore 19
Espongono:

  • Lara Artone
  • Anna Graziano
  • Antonietta Ascione
  • Jbare (Ugo Bartolin)
  • Sonia Carpenet
  • Anna Martone
  • Celestino Casaburi
  • Cristina Mazzucco
  • Antonio Conte
  • Fernando Pappa
  • Antonio Corrente
  • Gino Serra
  • Clara Pia Corrente
  • Alberto Ticconi

Vi sarà poi un fotoreportage intitolato “CASTA DIVA”  a cura di Ilaria Tortoriello

Alcune note su Lara Artone ed Anna Martone che parteciperanno per l’associazione culturale Aquadro

LARA ARTONE

Illustratrice, Fumettista e Pittrice.

Libri: “perchè mi chiami barbaro” (clicca qui per l’anteprima)

Laureata all’Istituto Europeo del Design, ha lavorato come fumettista alla RAI, ha illustrato libri per l’infanzia per case editrici internazionali quali l’Erma di Breshneider e l’Oxford University Press.

Ha vinto il premio miglior copertina al “Creatività e Scienza Premio Città di Salerno 2009″ con il libro “Gli Angeli di Rock Castle”. I suoi dipinti sono stati esposti in tutta Italia.

 

 

 

 

ANNA MARTONE

Pittrice e Insegnante.

Nel Dicembre 1994 ha partecipato alla collettiva “Momenti d’Arte” FIDAPA presso Villa Irlanda in Gaeta; nel Luglio 1997 ha partecipato all’ “AGRI FONDI” nel settore arte ed artigianato; nel 1997 ha esposto presso l’”ART STUDIO” di Monica Barsotti in Roma prestando inoltre la sua collaborazione per la realizzazione di numerosi lavori artigianali come ad esempio le vetrate artistiche per la chiesa di S. Giuseppe Artigiano in Roma; nel 998 ha partecipato alla mostra “I colori del Mediterraneo” FIDAPA – Roma; Luglio 2000: ha partecipato alla mostra collettiva presso Villa Arbusto – Ischia (NA); nel 2000 ha realizzato per la chiesa di S. Albina in Scauri (LT) opere di soggetti sacri e pannelli per il Giubileo del 2000; Successivamente, ha ricevuto vari riconoscimenti nel “premio internazionale la mimosa” di Anna Dolci Celletti in Formia; ha partecipato a varie mostre collettive presso l’Università del Golfo – Formia;ha esposto le sue opere presso il circolo culturale “Città di Gaeta”. Attualmente è coordinatrice dell’associazione Italia Nostra settore Tutela Ambiente per la sezione di Gaeta.
Gli orari di apertura sono
Orari: 11 e 12 luglio: dalle 18 alle 22
13 e 14 luglio dalle 10 alle 13, dalle 17.30 alle 24